#d_EPURIAMOLI: PACE FACCIA RESTITUIRE IL CANONE DI DEPURAZIONE NON DOVUTO

Gli attivisti del Meetup Ribera 5 Stelle invitano la cittadinanza riberese al gazebo pubblico che si terrà Domenica 14 maggio dalle ore 10:00 a Ribera in piazza di fronte la sede locale per informarsi sull’iniziativa “d_EPURIAMOLI”, in particolare i cittadini residenti nel quartiere “Sant’Antonino” e chi vive in abitazioni nelle nostre campagne riberesi. Continua a leggere

Annunci

L’amministrazione Pace sbaglia nella richiesta dei soldi per la bonifica dall’amianto. Rimedia il Movimento 5 Stelle

L’amministrazione comunale guidata da Carmelo Pace, secondo le norme di legge, oltre un anno fa, ha perso la possibilità di potere usufruire di un finanziamento della Regione Siciliana previsto per lo smaltimento di manufatti contenenti amianto. Oggi, grazie al Movimento 5 Stelle e alla sua deputazione alla Regione Siciliana e all’Ars, Ribera ed altri comuni non perderanno i preziosi fondi per la bonifica dai rifiuti di amianto. Continua a leggere

PACE, “MA CHI CI ASPETTI A FARI CAUSA A GIRGENTI ACQUE”?

Domenica 6 Marzo banchetto informativo sulle inadempienze di Girgenti Acque: -Frequenti interruzioni nell’erogazione dell’acqua; -Episodi di presenza di batteri nelle acque ad uso civile; -Pagamento illegittimo del canone di depurazione (quasi un terzo della bolletta anche dove la depurazione non funziona. Torniamo a chiedere pubblicamente per l’ennesima volta al Sindaco Pace di fare causa al gestore. Sarà soddisfatto del “servizio eccellente”?

12799301_594676994020094_855682857283468766_n

 

 

AMIANTO: GRAZIE ALL’AMMINISTRAZIONE PACE, RIBERA HA PERSO DEI FONDI PER LA BONIFICA

Il Meetup “Ribera 5 Stelle” denuncia che a causa della mancata attenzione da parte dell’amministrazione comunale, del Sindaco e dei responsabili della Protezione Civile, il Comune di Ribera perderà almeno il 40% dei fondi per la bonifica del territorio dall’ amianto previsti dalla legge regionale 10/2014. Continua a leggere

CARO PROFESSORE.. RUVOLO E RENZI GIOCANO SULLA TUA PELLE

Gentili cittadini,

noi di Ribera 5 Stelle ci rivolgiamo a voi con questa nota, che ha come umile obiettivo da una parte, quello di offrirvi un’ulteriore informazione sulla riforma della scuola del governo Renzi, dall’altra, quello di invitarvi ad una riflessione. Chi meglio di voi sa quanto sia importante avere informazioni precise e corrispondenti alla realtà per poter prendere le decisioni migliori per il futuro.  Continua a leggere

L’INCOERENZA DEL SENATORE RUVOLO OFFENDE L’INTELLIGENZA DEI SICILIANI

urlNoi, cittadini riberesi del movimento 5 stelle, intendiamo oggi rendere pubblico quanto appaiano incoerenti le dichiarazioni del Sen. Giuseppe Ruvolo sulle trivellazioni marine rispetto alle sue stesse votazioni in parlamento.
Facendo riferimento all’articolo apparso alla pagina 18 di Momenti del 13 Aprile 2014, Ruvolo parla di della tutela del mare in termini di “obbligo morale”; tuttavia questo sembrerebbe andare clamorosamente in contrasto con la sua azione parlamentare nel corso degli anni. Riassumiamo di seguito alcuni passaggi chiave relativi al “Decreto Sviluppo” del 22 giugno 2012 n.83 del Governo Monti, (al quale l’allora deputato Ruvolo ha votato la fiducia con il gruppo parlamentare Popolo e Territorio) il quale ha praticamente dato via libera alle trivellazioni nel nostro mare.
Premesso che la posizione del Movimento 5 Stelle è totalmente contraria alle trivellazioni marine – come già ribadito nelle parole e nelle attività dei nostri portavoce regionali e nazionali – il 27 luglio 2012, nella conversione in legge del suddetto decreto, il Deputato Ruvolo risulta ASSENTE dalla votazione in corso su un relativo ordine del giorno che mirava a impegnare il governo a: “ a valutare l’opportunità di adottare ogni iniziativa […] volta ad assicurare, durante le procedure autorizzatorie delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi, coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi, il massimo coinvolgimento degli enti locali interessati; ad aumentare significativamente i corrispettivi per le concessioni in materia di idrocarburi off-shore; a destinare le risorse derivanti dai corrispettivi delle concessioni per l’estrazione di idrocarburi in mare anche allo sviluppo ed il miglioramento occupazionale ed economico egli enti locali nel cui ambito si svolgono le ricerche e le coltivazioni di idrocarburi liquidi e gassosi”.
A ulteriore conferma di ciò si registra – nella stessa giornata del 27 luglio- la precedente votazione CONTRARIA di Ruvolo su un altro relativo ordine del giorno, il quale mirava a migliorare le precauzioni: “ per tutelare il personale civile e militare che si trova impiegato o risiede in zone a rischio contaminazione, anche con riferimento ai possibili effetti dannosi derivanti dalle attività militari che si svolgono nei poligoni militari; ad avviare senza ulteriori ritardi e lungaggini le necessarie misure sanitarie e di bonifica per ristabilire la piena fruibilità delle aree interessate anche agli usi civili recuperando con ciò un rapporto positivo con le popolazioni locali e le attività agro-pastorali presenti sul territorio”. Facciamo notare, che l’odg bocciato da Ruvolo, cercava di modificare un articolo del “decreto sviluppo” pesantemente attacato da WWF Italia, poiché aumentava le soglie di inquinamento ambientale consentite in termini di legge, contraddicendo le direttive europee sulle concentrazione di materiali, tra i quali: arsenico, cromo, rame, piombo, uranio e torio – una prova di scarsissima sensibilità ambientale a nostro avviso. A corollario di ciò, risulta anche l’ASSENZA dell’allora deputato Ruvolo alle votazioni finali del decreto che ha permesso l’avvio delle procedure di trivellazione anche nelle nostre coste. FONTE: http://parlamento16.openpolis.it/votazioni-in-parlamento/giuseppe-ruvolo/703/page/66 ; http://parlamento16.openpolis.it/votazioni-in-parlamento/giuseppe-ruvolo/703/page/67 .
L’attuale SENATORE Ruvolo non cambia idea anche quando arriva il Movimento 5 Stelle in parlamento, infatti, il 06/08/2013, esprime voto CONTRARIO a un emendamento del M5S (n. 41.6 al DDL N° 974), il quale non solo prevedeva il ripristino del limite delle 12 miglia dalla costa per le trivellazioni in tutto il territorio nazionale, ma imponeva che i provvedimenti autorizzativi già rilasciati, tra cui quelli che interessano direttamente il nostro territorio e i nostri mari, fossero nuovamente sottoposti a Valutazione di Impatto Ambientale (facoltativa sino al 2010) e Valutazione Ambientale Strategica. Concludiamo con il seguente messaggio: il Movimento 5 Stelle nazionale, regionale e riberese non lasceranno che, per i beceri scopi delle lobby, si metta a rischio la tutela del nostro patrimonio ambientale e della salute della popolazione che ne deriva.
La battaglia continua.

MEETUP RIBERA 5 STELLE